mercoledì 12 dicembre 2012

Beta Test, Work in Progress, cominci a scassare già dall'inizio...



E poi arriva il giorno che non ce la fai più, e lo devi fare.

Dodic’anni che scrivi (e sarai sempre grato a chi te ne ha dato la possibilità, sia chiaro, anche per la pazienza  avuta nell’aspettare sempre i tuoi porci comodi, e va detto) con tempi di consegna comunque larghi, ma comunque sempre tempi di consegna, che comunque ti ci senti stretto, e comunque con l’ansia del dover fare tutto per tempo, comunque dovendo fare i conti dalla tua capacità organizzativa tipica delle scimmie urlatrici, comunque basta. Comunque.


Ecco appunto.
E quindi arriva il momento in cui vuoi scrivere di quello stracazzo che ti pare, con il linguaggio che ti pare e piace (tipo l’urdu, ma con meno sputazzi), degli argomenti che vuoi trattare senza l’ansia di sentirsi dire che “no, questa cosa magari è meglio che non la scrivi, perché par brutto offendere politici corrotti/religiosi inanellati/musicisti tossicomani che son morti e fanno figo”, ma soprattutamenDe coi tuoi tempi, quando vuoi, come vuoi, perché vuoi.
Perché vuoi? Perché condividere certe cose con altra gente fa molto bar, e alla fine è così che ti piace, e perché a volte ci sono sassi che ti devi togliere, e vaffanculo è davvero il caso di toglierteli, che poi sennò stanno lì, fermentano, e non c’è Magnesia che tenga, son brutte cose.

“Mentina?”
E quindi se lo devi fare lo devi fare, e finisce che apri un blog.
La meni da una vita ‘sta cosa del blog, hai rotto le palle ad amici e conoscenti, che poi a loro che’je frega, loro campano lo stesso, è una cosa che fai per te, perché sei un logorroico terrificante con mille hobby e ti pare uno spreco lasciarli morire così, perché vuoi condividere tutta quella “robaccia-nerd-finto-giovane” che fondamentalmente ti tiene in piedi, cosa che non ti riesce granché bene finchè sei l’unico interlocutore e parli da una pagina scritta.
E quindi apri un blog. E come lo riempi questo blog?
Hai sempre fatto recensioni (sempre per quella storia di doverlo dire a qualcuno perché i cazzi tuoi non te li fai mai eccetera) da quando eri gggiovane e di cinema capivi poco e niente, e quindi andrai avanti così, tiri dritto e fanculo al vigile, che tanto la cartolina te la mandano per posta.
Ovviamente siamo ancora indietro, è tutto ancora un work in progress, e anche se sai già che ci butterai dentro Cinema, Videogame, Fumetti e quant’altro

“I mattoni grazie ai quali è costruita la vita”
non sai quando comincerai, non sai quando ti arriveranno i banner “fatti come si deve” né come e se si evolverà questa cosa, ma ti sembra brutto rimandare ancora, anche perché il “Teorema della Palestra” lo conosci, è lì che ti aspetta al varco ,e quindi è inutile continuare a dire “comincio” se non lo fai mai.
E quindi cominci, con annessi, connessi e mancanze.

“Scusa per la rozzezza di questo modellino ma non ho avuto tempo di farlo in scala e di dipingerlo”

Forse è per questo che nasce un blog, perché uno non è patologicamente in grado di farsi i fatti suoi e deve far uscire il demone da sotto la pelle, il folletto dalla pentola, il drago dalle sfere, oh mettetela come volete voi, l’importante è che ci sia capiti.
Alla fine uno scrive, se qualcuno leggerà tanto meglio, e se nessuno lo farà avrai comunque risparmiato i soldi di anni di terapia, mica pizzette…e quello che salterà fuori salterà fuori.


 Qualsiasi cosa sia.

6 commenti:

  1. Era ora di iniziare...e poi da una persona realmente capace

    ci si aspetta di divertirsi un po` e qualche consiglio in piu!
    Buon lavoro direi ;)!!

    RispondiElimina
  2. Oh, son proprio contento che lo hai aperto. Se hai bisogno di una mano per la grafica, fischia XD

    RispondiElimina
  3. Fischio,fortissimamente fischio! ;)

    RispondiElimina